fbpx
storia e pratica del silenzio

Storia e pratica del silenzio: il libro di Remo Bassetti

La pratica del silenzio è una forma di convivenza sociale che segue determinate regole e poi esistono numerosi tipi di silenzio alcuni pregni di significato altri più ambigui che possono determinare il peggioramento di situazioni emozionali difficili.

Questa è soltanto un’introduzione di ciò che si può leggere nel volume “Storia e pratica del silenzio” (Bollati Boringhieri) scritta da Remo Bassetti, presentato dall’autore con Carola Barbero, Enrico Deaglio e Juri Nervo.

Lo scritto parte dal silenzio del Big Bang fino alla “voce di silenzio sottile”.

Il libro affronta anche però il tema del silenzio forzato, della sordità, i silenzi d’amore e il silenzio dallo psicanalista.

Antidoto e pratica contro i rumori del mondo, il libro di Bassetti affronta la storia della pratica del silenzio come memoria storica e come base per la costruzione di una “grammatica” del silenzio.

Il volume si conclude con la rielaborazione pratica di “dieci tesi originali sul buon silenzio, dalle quali ciascuno, posato il libro, potrà trarre conclusioni o iniziare percorsi, ma certamente rivaluterà il reietto mondo privo di onde acustiche, così poco sondato prima d’ora”.

Condividi