Il Sistema Uditivo Degli Animali

L’udito è quella capacità che riesce a percepire i suoni e qualsiasi cosa che faccia rumore.  Denominato dall’orecchio , esso rappresenta un organo funzionale che assolve tali funzioni. Il primo dei cinque organi tende a svilupparsi nel feto favorendo contatto con l’ambiente esterno. Questa volta ci occuperemo dell’udito negli animali.Anche negli animali come anche per l’uomo, l’organo uditivo nei vertebrati superiori è sempre l’orecchio.

Dato che esistono varie specie di animali, possono variare secondo i diversi gruppi. Nei rettili e negli uccelli ad esempio, manca un padiglione auricolare, mentre questo è sviluppato nei mammiferi. Allo sviluppo degli animali vertebrati si accosta una grande complessità di funzioni che possono essere paragonati al funzionamento di un radar, mentre per gli elefanti avendo grandi orecchie servono a fornire una maggiore efficienza di ventilazione al corpo.

Gli elefanti, producono onde infrasoniche che sono avvertiti da altri gruppi utilizzando le zampe che possono essere separati da uno fino a pochi chilometri.  Negli invertebrati invece, l’organo dell’udito presenta delle caratteristiche particolari: molte specie, infatti, come ad esempio le cavallette presentano organi auditivi molto efficienti sulle zampe anteriori.

Non tutti gli animali si orientano visivamente. Ad esempio i pipistrelli sono dotati di un sistema ultrasuoni che permettono di individuare in anticipo l’ostacolo. Stiamo parlando di un meccanismo chiamato “sonar” in cui l’animale avendo un udito finissimo, questo gli consente di percepire l’eco. Non tutti gli animali si orientano visivamente. Alcune specie di pipistrelli sono dotate di un raffinatissimo sistema, basato sull’emissione di ultrasuoni, che permette loro di volare di notte individuando in anticipo il più piccolo ostacolo ed evitandolo.

Condividi