fbpx
inquinamento acustico

Inquinamento acustico eccessivo: Ragazza dorme in bagno

Inquinamento acustico eccessivo, rumori talmente forti che hanno costretto Laura, residente nel centro di Palermo a montare una brandina in bagno per dormire lì.

Laura ha appena 23 anni riesce a sostenere uno sforzo fisico di non poco conto, come quello di dormire tutte le notti su una brandina posta tra il bidet e il lavandino.

Quindi il problema dei rumori notturni non affligge soltanto persone adulte che mal sopportano il divertimento giovanile ma anche una ventenne che ama uscire e stare fuori.

Laura frequenta l’Università di Giurisprudenza e vive con la famiglia nel centro storico di Palermo tra piazza san Francesco e piazza Rivoluzione

«I pub sono aperti sette giorni su sette — racconta a La Repubblica la giovane — dal lunedì alla domenica. Quando non è la musica da alto volume a disturbare è il vociare delle persone che fino a tardi affollano i tavolini all’aperto».

«La stanza si affaccia sulla strada — dice — è la sensazione, tutti i giorni della settimana, è di avere persone che parlano e ascoltano la musica nel mio balcone».

Per vedere la Tv Laura e i suoi genitori devono ascoltare i programmi posizionando il volume al massimo. E se ci fosse un’emergenza?

«Abbiamo chiamato i vigili decine di volte ma serve a poco perché non vengono, e magari quando finalmente vengono alcuni locali sono pure in regola con i decibel. Ma qui il problema è un altro: che l’intero centro storico è ormai un immenso pub aperto 24 su 24 e che non ci si può più abitare».

Laura, quindi, dorme male e riposa male condizione che le deteriora l’umore e il suo stato di benessere personale.

Condividi