fbpx
canticchiare

Canticchiare un motivetto inventato? Ecco cosa accade

Alcuni meccanismi della mente rimangono ancora oscuri, tra questi riuscire a ricordare o immaginare un motivo musicale.

Uno studio rivela i meccanismi dell’analisi del suono, riuscendo a stabilire che ricordare e immaginare una canzone riflette lo stesso meccanismo cerebrale.

Lo studio è stato condotto da un gruppo di ricercatori del Politecnico federale di Losanna (EPFL) in Svizzera.

“La ricerca ha usato una tecnica di registrazione dell’attività elettrica cerebrale chiamata elettrocorticografia: la procedura, invasiva, consiste nell’inserire chirurgicamente elettrodi sulla corteccia cerebrale, e permette una localizzazione della sua attività estremamente precisa” Focus.

Questa tecnica viene impiegata per il trattamento dell’epilessia, in questo caso, è stato impiegato su un pianista, un paziente epilettico al quale è stato chiesto di suonare una tastiera due volte, una prima volta ascoltando un suono per riprodurlo e una seconda utilizzando soltanto la sua memoria per poi riprodurre il suono alla tastiera.

Lo studio ha rivelato che da un punto di vista neurologico non si evidenziano differenze significative tra le due performance, cioè, l’attività   della corteccia uditiva registra dati di somiglianza tra ascoltare e riprodurre un suono e ricordare e riprodurre un suono, cioè le informazioni sonore rispondono alla stessa organizzazione. La ricerca mostrerebbe una indubbia utilità per quel che riguarda il rapporto tra linguaggio e lesioni cerebrali, poiché questo tipo di connessione potrebbe sostenere l’attività di ricerca nello sviluppo di afasie e memoria.

Condividi