Perdita d’udito: i costi per la sanità

La perdita d’udito – Dalla Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health emerge un nuovo studio pubblicato sulla rivista JAMA Otolaryngology-Head and NeckSurgery, che rivela che gli anziani con la perdita dell’udito non trattata incorrono maggiori costi di assistenza sanitaria accrescono rispetto a chi non rivela problemi di salute inerenti all’udito. I pazienti con ipoacusia nontrattata hanno generato il 26% in più dei costi totali di assistenza sanitaria,un divario che si è ampliato al 46% in dieci anni.

Per il loro studio, gli esperti hanno esaminato un campione di più di 77.000 pazienti con probabili perdite uditive non correlate all’età. I ricercatori hanno analizzato il costo dell’assistenza sanitaria e le tendenze di utilizzo dopo due, cinque e dieci anni. Lo studio dimostra che la perdita dell’udito non trattata può comportare gravi problemi e conseguenze gravi che comportano un alto rischio di demenza e declino cognitivo. A distanza di 10 anni dall’inizio dello studio, i pazienti con una perdita uditiva non trattata ha sperimentato circa il 50% in più dei ricoveri in ospedali, un rischio maggiore del 44% di riammissione ospedaliera entro 30% giorni, il 17% in più per coloro che si sottopongono al pronto soccorso e circa il 52% in più per le visite ambulatoriali.

Intanto, non sappiamo se i risultati non indicano esattamente perché l’ipoacusia non trattata aumenti l’utilizzo dell’assistenza sanitaria, ma secondo gli esperti, ritengono che potrebbe essere determinata dal fatto che la perdita dell’udito sarebbe collegata ad altri problemi di salute.

Condividi