fbpx
one sense

Ristorazione inclusiva. “One Sense” a Roma

One Sense è il primo ristorante inclusivo per non udenti.

Il ristorante One Sense nasce nel quartiere della Garbatella, a Roma, grazie al lavoro di Valeria Olivotti, 29 anni, manager che ha avuto l’idea di creare un tipo di ristorazione inclusiva.
Dopo essersi diplomata, la Olivotti, ha cercato un lavoro a contatto con il pubblico ma, nonostante la sua formazione del settore bar e ristorazione, otteneva scarsi risultati.

Finché non è arrivata l’idea di aprire un ristorante:

Ho impiegato due anni per trovare la location giusta visto che doveva essere grande e in un quartiere popolare di Roma, dove è più facile trovare cittadini aperti all’integrazione con i disabili”. 

La location è un ex negozio e magazzino audiovisivo nel cuore di Garbatella

Ma questo tipo di progetto doveva includere un personale adeguato.

Una nuova avventura.

Non molti conoscono la Lingua Lis e non tutti erano culturalmente pronti alla sfida.

Ad oggi, quasi l’intero personale di One Sense conosce il linguaggio dei segni.
One Sense vanta un
forno solidale dal quale fuoriescono la pizza Girandola dei sapori (8 euro) e la pizza Pro-fumo (8 euro).

Secondo Valeria, One Sense rappresenta: “Un luogo unico nel suo genere, dove l’integrazione tra sordi e udenti sta diventando realtà giorno dopo giorno, grazie soprattutto ai clienti che, fino ad oggi, sono stati decisamente molto empatici nei nostri confronti. Cosa che non mi sarei mai aspettata visti i pregiudizi della nostra società nei confronti di chi ha una disabilità, anche nascosta come la nostra”. 

E continua “Abbiamo scoperto che di locali simili ce ne sono quattro-cinque in tutto il mondo. Ce ne vorrebbero davvero tanti per favorire l’integrazione tra sordi e udenti”. 

One Sense è aperto tutti i giorni dalle 18.00 all’1.00.

One Sense si trova in via Alessandro Cialdi 35, Roma. Tel. 0651604557.

Condividi