fbpx
supersorda cece bell

Supersorda: la graphic novel di Cece Bell

Infanzia e sordità,  e chi meglio di Cecilia Carolina Bell, in arte Cece Bell può parlarcene?

L’autrice e illustratrice statunitense Cece Bell perse l’udito da bambina a causa di una meningite, e con il suo racconto illustrato Supersorda, dà mano alla sensibilizzazione sulla sordità infantile e ci informa sulla non facile impresa di far indossare l’apparecchio a un bimbo con deficit uditivo.

La storia Supersorda, edito da Piemme nella serie Vortici, della collana Battello a Vapore,

realizza, grazie alla bravura dell’autrice, una fantasiosa storia illustrata in cui ogni personaggio ha le forme di un animale.

La protagonista, Cece, è una coniglietta ed è costretta a indossare un apparecchio acustico diventando per tutti i suoi compagni di classe “la bambina con i fili nelle orecchie”.

I ricordi dell’infanzia dell’autrice risalgono agli anni ’70, quando gli apparecchi acustici erano molto più grandi e ingombrati di quelli attuali.

Ironia e fantasia e tanta intelligenza per un fumetto divertente e scanzonato in cui il brutto ed enorme dispositivo si rivela ben presto un ordigno magico: esso è collegato a un piccolo microfono attaccato al golfino della maestra, per aiutare Cece ad ascoltare tutto ciò che lei dice.

Ma la ragazzina si accorge che il sistema funziona anche a grandi distanze, dunque lei riesce a sentire anche le conversazioni personali dell’insegnante.

Questo superpotere presto fa di Cece la beniamina della classe, conosciuta da tutti col soprannome di Supersorda.

Con estremo realismo si affronta il tema della sordità descrivendo situazioni con le quali ogni bambino con un deficit uditivo si confronta ogni giorno: la difficoltà di seguire i programmi in tv o di ascoltare la musica in radio, le conversazioni con le persone che pensano che serva urlare o sillabare lentamente.

Supersorda è un racconto divertente e un contributo importante alla sensibilizzazione sul tema dei propri problemi di udito e all’uso di un apparecchio acustico.

Più volte bestseller per il New York Times, Cece Bell e il suo Supersorda ha ricevuto il Newbery Medal Honor (un riconoscimento statunitense per le migliori pubblicazioni della letteratura per l’infanzia) e il Premio Eisner.

Condividi